Succhi di frutta e verdura handmade

In questo periodo della mia vita sicuramente sono alla ricerca di qualcosa che me la faciliti, ma nonostante tutto mi impegno a trovare delle alternative un pochino più sane quando si tratta di alimentazione e figli. Mio figlio più piccolo era fino a poco tempo fa, dipendente dai succhi di frutta, che si sono buoni ma pieni di zuccheri e conservanti e la frutta all’interno è minima, quindi come vi ho già detto, lo scorso natale ho chiesto a BABBO NATALE di portarmi una centrifuga per fare degli ottimi succhi di frutta e di verdura. Ora vi spiego il difficile processo per poter accontentare i vostri figli (e voi).

Innanzi tutto, prendete il vostro frutto preferito (tranne la banana), che può essere la mela, pesca, susine, prugne, ananas, anguria , limone ecc.. oppure le carote (potete anche unire carote, mele e limone ed ottenere un succo multivitaminico veramente buono) i finocchi o altre verdure a vostro piacimento, comunque una volta scelto voi o i vostri figli, il frutto (o la verdura) preferito, assicuratevi di lavarlo bene, tagliarlo a pezzi e togliere i semi o il nocciolo all’interno , poi inseritelo/i nella vostra centrifuga e fate girare il tempo necessario per ottenere un bel succo. Poi mettetelo in un bicchiere o in una bottigliette e bevetelo e fatelo bere ai vostri figli, se lo tenete fuori dal frigo dovrete berlo entro poco tempo, se lo conservate in frigo lo potrete consumare entro 24 ore. Tenere presente però che, pare, che i centrifugati (e ancor meno i succhi di frutta industriali), non possono essere un sostituto della frutta, in quanto centrifugando la frutta (o la verdura), alcuni valori nutrizionali vengono persi, quindi via libera ai centrifugati, ma senza tralasciare la frutta consumata nel modo tradizionale.

Pubblicato in Figli, Ricette | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

London Guide: Portobello Market

Continua la mia mini guida, non troppo pretenziosa, di questa magnifica città: Londra. La volta scorsa vi ho parlato di Camden town o Camden Lock, ed oggi vi vorrei parlare di un altro mercato che amo tantissimo e che ho conosciuto prima tramite un film Notting Hill e poi di persona.

Portobello Market è situato su Portobello road, e questa via è celebre , appunto, per il mercato che attira tanti turisti, in particolare il sabato. Come altri mercati a Londra, Portobello è molto caratteristico e colorato, se siete appassionati di antiquariato qui troverete ciò che fa al caso vostro, anche se in realtà i prezzi non sono abbordabilissimi, ma stiamo parlando di antiquariato di qualità, quindi ci sta. Io io genere mi accontento delle bancarelle (sicuramente più low cost), che hanno parecchie cose in stile vintage e che rispecchiano lo spirito londinese. Comunque qui potete trovare anche tanto cibo fresco, frutta e verdura di ogni tipo, ma se mentre passeggiate e fate le vostre spese lo stomaco brontola , potete fare una capatina in uno dei tanti ristorantini o pub,  o comprare dell’ottimo cibo da asporto direttamente dalle bancarelle sulla strada. Vi consiglio questo posto anche se non volete mettere mano al portafoglio, è comunque bello passeggiare qui fino ad arrivare a Notting Hill. Anche questo mercato è facilmente raggiungibile con la metropolitana e le fermate sono Ladbroke Grove o Notting Hill Gate.

Pubblicato in Cosa succede in città | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Fermentazioni a Roma – Officine del Farneto

Oggi il via a alla manifestazione Fermentazioni , ospitata alle Officine del Farneto per tutto il week end. Di seguito il sito dove trovate utte le informazioni e le novità di quest’anno, una delle tante e’ l’area Kids, dedicata ai più piccoli, con tanto di laboratori interattivi:

imagehttp://www.fermentazioni.it/evento/progetto/

 

 

Pubblicato in Cosa succede in città | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Merende per la scuola: Muffin con farina integrale

DownloadswebIn previsione dell’inizio del nuovo anno scolastico, io e F. (Mio figlio), abbiamo deciso di testare nuove merende sane da portare a scuola, quindi ieri ci siamo adoperati a fare degli ottimi muffin con farina integrale. Siamo partiti con questa base e ne abbiamo fatti di tre diversi gusti. Abbiamo preso due teglie per muffin (vedi foto qui sotto).

foto 5webCi siamo muniti di cappelli da chef, siamo dei professionisti e quindi non vogliamo i capelli nel nostro impasto :)
foto 1web

Dopodiché ci siamo messi all’opera.

Prima di tutto abbiamo acceso il nostro forno elettrico a 140 gradi, e poi abbiamo imburrato ed infarinato le teglie. Tutti questi procedimenti li ha fatti F., che seppure , ha 7 anni e’ perfettamente in grado di fare queste cose. I bambini amano essere coinvolti in compiti che in genere fanno i grandi, li fa sentire sicuri e forti, e sono felici di vedere che ci si fida di loro, e se sporcano un po’ la cucina che importa, poi si pulisce, nulla di grave. Invece dobbiamo imparare ad apprezzare questi momenti passati insieme, e se abbiamo la cucina un po’ più in disordine del solito, non facciamoci caso e pensiamo a divertirci e a preparare qualcosa di buono e sano insieme ai nostri  bambini.

Ingredienti per 18 muffin:

4 uova bio

3 bicchieri e mezzo di farina integrale bio

un bicchiere di zucchero di canna bio

1 bustina di lievito per dolci

vaniglina

cacao amaro in polvere q.b.

3 cucchiai di miele millefiori di Podere Argo

1 bicchiere di latte fresco parzialmente scremato

1 vasetto di yogurt magro alla frutta

1 prugna

il succo di un limone

cannella

zenzero

50 grammi di mandorle

Prendete un recipiente rompete dentro le uova, e poi aggiungete lo yogurt, il latte, e lo zucchero di canna, amalgamate il tutto con il minipimer, o con la frusta, dopodiché aggiungete due cucchiai di miele bio, poi il lievito, la vaniglina e il succo di limone.

foto 4 (1)web

Dividete il composto in tre parti uguali in tre differenti recipienti (vedi foto), in uno di essi aggiungete al composto base il cacao amaro (la quantità dipende da quanto piace a voi l’intensità del gusto al cioccolato) e la cannella ,amalgamate il tutto ed iniziate a metterlo nella teglia in sei stampini, mettete su ogni muffin tre mandorle, in altri sei stampini adagiate sul fondo la prugna tagliata a pezzettini (vedi foto), ed aggiungete del miele (la quantità anche qui dipende dai vostri gusti) , all’ultimo composto aggiungete due cucchiai di zenzero e dell’altro succo di limone, e mettete il tutto negli ultimi sei stampini e se volete anche qui potete aggiungere le mandorle a vostro piacimento. Mettete le teglie in forno, far cuocere tutto per c.ca 1/2 ora.

foto 3 (1)web

foto 2 (1)web

Il risultato finale e’ qui, peccato non possiate sentire il profumo di questi muffin, vi assicuro che il sapore e’ ottimo. Ora non vi rimane che metterne un paio in una bustina e nello zaino dei vostri figli, loro saranno felicissimi di sfoggiare a scuola qualcosa interamente (o quasi) preparato da loro. Quindi non mi rimane che augurare a tutti, buon anno scolastico ;)foto 1 (2)web

Pubblicato in Ricette | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

London Guide: Markets

Andare a Londra senza andare ai mercatini vari e’ quasi un delitto. Sicuramente negli anni questi mercati sono diventati molto più commerciali di un tempo, ma sono sempre molto affascinanti. Il mio favorito e’ nel quartiere di Camden town….si chiama appunto Camden Market, facilmente raggiungibile coimageimagen la metropolitana, il mercato e’ molto grande e sicuramente tra i più famosi nel mondo. L’atmosfera e’ unica, se si ama la fotografia qui ci si può sbizzarrire con la streetphotography. Tutto è molto colorato, allegro, in tutto il quartiere c’è profumo di cibo proveniente da ogni parte del mondo, Turchia, Thailandia, Cina , Giappone tanti paesi racchiusi in un mercato. Quando ti trovi a Camden pensi che tutto sia possibile, si può fare shopping senza spendere un occhio della testa, si può acquistare abbigliamento alternativo, vintage, ci sono pezzi di oggettistica di ogni tipo, artigianato. La prima volta che ci sono stata, circa 17 anni fa, mi trovavo con mio marito e due miei amici, e non ho mai dimenticato l’atmosfera e i profumi di questo posto e quando ci sono tornata a distanza di molti anni , anche mia figlia si è innamorata di Camden, quando andiamo a Londra la tappa e’ d’obbligo.  E’ un luogo alternativo, forse il più alternativo di Londra, se ami l’abbigliamento punk, cyberpunk , ghotik, burlesque e’ qui che ti devi recare.

image

C’è una piccola parte lungo il canale che ricorda Amsterdam, il mercato e la via principale sono sempre pieni di gente, si pensi che addirittura è stata creata una stazione metro con entrata ed uscita separata.

image

Inoltre per la vita notturna , qui ci sono molti bei pub ed ottimi locali per ascoltare musica dal vivo, tanto per citarne alcuni: Underworld, Roundhouse, Koko

Nel prossimo post, vi parlerò degli atri mercati che ci sono a Londra dove fare acquisti low cost :)

Pubblicato in Cosa succede in città | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Matrimoni, matrimoni e ancora matrimoni

Anche a settembre con l’organizzazione dei ricevimenti nuziali abbiamo un bel da fare, questo week end si prospetta caldo, almeno dal punto di vista lavorativo. Essendoci diversi ricevimenti le richieste sulla personalizzazione richiedonimageo un bel l’impegno da parte mia e dei miei colleghi, ogni ricevimento non può essere uguale all’altro, sia perché gli sposi sono diversi sia perché ognuno di noi ci mette del suo, la fantasia e l’estro cambiano, i sogni e desideri delle coppie sono differenti….per fortuna.

Io per questo week end sto preparando il ricevimento di una coppia inglese, faranno il rito in villa e la cosa mi piace e mi diverte, ma sarà una giornata sicuramente impegnativa e faticosa, ogni cosa è stata già studiata e pianificata, ma per domani dovrà tutto essere perfetto.

Spero di fare molte foto, che in seguito inserirò sul blog, per il momento mi limito a postare le foto della location scelta con vista lago,

0321

 e qualche foto di un matrimonio dello scorso week end.

Desktop4

Pubblicato in Weddings | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Crema di nocciole (Nutella) Handmade

Ormai da diversi anni ho iniziato a pensare sano, questo sicuramente grazie al web, lo utilizzo per informarmi (ma questo senza diventare una paranoica dell’alimentazione) ,ho capito cosa non fa bene al nostro corpo e cerco di limitare l’utilizzo di cibo con conservanti, con oli di provenienza dubbia e via dicendo. Quindi in casa mia, specialmente da quando ho avuto il mio secondogenito, non compro mai merendine confezionate, lui praticamente non le conosce, in realtà non è che le vieto totalmente…diciamo che possono essere un eccezione quando va a casa di amici o alle feste, anche se lui ormai è entrato nell’ottica che certe cose fanno male, quindi in genere le rifiuta se gli vengono offerte. Ormai avendo un alimentazione sana, mio figlio predilige il cibo non troppo elaborato, per la merenda preferisce mangiare dello yogurt con frutta, oppure la frutta secca (l’adora) o un dolce fatto in casa.

Comunque per potergli offrire sempre qualcosa di buono ogni tanto giro sul web per cercare delle alternative (più o meno sane) e ne ho trovata una per fare una crema di nocciole (o nutella se preferite) che abbiamo provato ed è venuta benissimo, ci vogliono pochi ingredienti e poco tempo per farla, quindi anche se siete delle super mamme impegnatissime con il lavoro, la casa, i figli, mariti ecc…non vi preoccupate si tratta soltanto di spendere 10 minuti del vostro tempo, ma verrete ripagate con un bel sorriso dei vostri figli, comunque è talmente semplice da fare che i bambini potrebbero aiutarvi nella preparazione:

Ingredienti:

200 gr di nocciole già spellate
150 gr di olio d’oliva o altro olio vegetale, l’importante che sia bio
80 gr zucchero di canna integrale bio
4 cucchiai di cacao amaro bio

  

Preparazione

Tostate le nocciole nel forno, oppure nella padella, aggiungetele allo zucchero di canna e mettete il composto nel frullatore. Poi aggiungete il cacao e l’olio, fate amalgamare bene tutti gli ingredienti fino a renderli lisci. Versate il composto in barattoli di vetro ermetici e poi conservate la vostra crema di nocciole, in un luogo fresco ed asciutto ed una volta aperto in frigo…..tanto non vi preoccupate non durerà a lungo, bontà assicurata :)

 

 

 

Pubblicato in Ricette | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Doctor Sleep by Stephen King

In estate riesco, come tutti, a leggere più libri e mi sono imbattuta in Doctor Sleep il sequel del tanto, da me , amato Shining. Racconta cosa accade a Danny da adulto, che continua ad avere la “luccicanza” e che tramite questa viene contattato da Abra Stone, una bambina che ha lo stesso dono di Danny.

Abra si trova in pericolo perchè i membri della setta “Vero Nodo”, una specie di vampiri che si nutrono del vapore delle persone che hanno la luccicanza, vorrebbero rapirla per impossessarsi del suo dono per poter continuare a vivere. Non svelo oltre per chi non lo avesse letto ancora, ma è un libro che consiglio anche se trovo che non possa essere all’altezza di Shining, ma forse non era nemmeno nelle intenzioni dell’autore.

Buona lettura :)

Pubblicato in Libri | Contrassegnato , , , , , , , , , , | 3 commenti

London Guide: Free Museums

Ho sempre amato Londra, fin dalla prima volta che ci sono stata nel 1997. Amo la sua velocità, l’odore della metropolitana, i profumi che senti nei vari mercati, sempre pieni di cibo, la moda, i suoi musei e i tanti teatri, l’aria che si respira, la sua multietnia…insomma amo tutto di questa città, ma questo forse è perchè non ci vivo, non la vivo nel quotidiano, quello lavorativo o della scuola, con i tanti intoppi che ci possono essere, quando vado è per vacanza e quindi forse per questo motivo vedo solo il lato positivo di questa frenetica città….però non c’è nulla da fare l’adoro. Una delle altre tante ragioni per la quale l’adoro sono i musei, ce ne sono molti e gran parte di essi (quelli più famosi) sono gratuiti, o meglio se vuoi puoi lasciare una piccola donazione all’entrata, ma non sei obbligato. I musei di mia conoscenza, che ho visitato più volte, e che sono gratuiti sono i seguenti:

British Museum, uno dei più antichi al mondo con collezioni provenienti da tutto il globo, assolutamente da vedere, tempo minimo della visita 3 ore

National History Museum (Museo di Storia Naturale) , è il più grande museo di storia naturale al mondo, assolutamente adatto anche per i bambini, per loro la parte dei Dinosauri è fantastica. La struttura che ospita questo museo è stupenda, i miei figli dicono che ricorda Hogwarts, la scuola di magia della saga di Harry Potter, anche qui il tempo minimo di visita è di almeno 3 ore.

Science Museum (Museo della Scienza), altro luogo meraviglioso, questo è il preferito di mio figlio di 7 anni, quando siamo a Londra lui vuole venire qui, in questo tempio della tecnologia. C’è un piano interattivo per i bambini dove possono fare gli esperimenti, si divertono tantissimo, ma anche i grandi. Io ogni volta ci torno volentieri. Qui il tempo di visita dipende molto dal vostro bambino, mio figlio potrebbe restarci anche 5 ore di seguito senza annoiarsi. Inoltre, si trova a due passi dal museo di Storia Naturale, quindi quando ci sono giornate piovigginose si può pensare di fare un tour dei musei senza grandi spostamenti. Sempre vicino ai suddetti musei se ne trova un altro, del quale parlerò più avanti.

Victoria and Albert Museum , in questo museo ci sono collezioni con oggettistica, ceramiche, tessuti ecc.. provenienti da tutto il mondo. Bellissimo e da non perdere, anche perchè come dicevo si trova vicinissimo al Museo di storia naturale e a quello delle scienze. Il tempo di visita consigliato è sempre di almeno 3 ore, ma anche fare una passeggiata veloce in questo museo è un regalo che farete ai vostri occhi curiosi.

Tate Museum , sicuramente una tappa dovuta per tutti gli amanti dell’arte moderna, si possono ammirare le opere di Claude Monet, Pollock,Marlene Dumas, Mirò, Magritte , De Chirico, Pablo Picasso e tante altre opere. Anche in questo caso il museo è molto grande, quindi il consiglio è di vedere le opere principali e di tralasciare quelle meno interessanti, magari pianificando bene cosa andare a vedere, questo sempre se si ha poco tempo a disposizione.

http://www.google.it/url?sa=i&rct=j&q=&esrc=s&source=images&cd=&cad=rja&docid=YkbuFwnV0LpUPM&tbnid=bCUHIN6q1fFhXM:&ved=0CAQQjB0&url=http%3A%2F%2Fintransit.blogs.nytimes.com%2F2010%2F05%2F09%2Ftate-modern-in-london-celebrates-a-decade%2F&ei=lNh3UuKaN46S0AXqwIHwDg&bvm=bv.55819444,d.ZGU&psig=AFQjCNFc9kDyo6enknLYELs4GbzcdZbGkw&ust=1383672242204112

National Gallery , sicuramente la più grande galleria d’arte del mondo, ci sono oltre 2000 dipinti , tra i tanti artisti ci sono Caravaggio , Botticelli, Tiziano, Raffaello e Michelangelo. Beh con questi nomi una capatina si deve fare. Anche qui per i tempi della visita vale il discorso di cui sopra. Anche perchè il museo si trova su una delle più belle piazze di Londra: Trafalgar square. 

Dalla scalinata del museo si può intravedere il Big Ben, quindi da li consiglio di recarvi nella via che va verso il Big Ben così da poterlo vedere da vicino, e sempre nei paraggi si trova Westminster Abbey (l’Abbazia di Westminster) , altro luogo sicuramente da visitare…ma in questo caso si tratta di un attrazione a pagamento. Sempre vicino all’Abbazia e al Big Ben, si trova il London Eye, una grande ruota panoramica, bellissima la visione di londra dall’alto ma trattandosi di un altra attrazione a pagamento, è sicuramente poco low cost.

Tutti i luoghi sopra menzionati sono facilmente raggiungibili con la metropolitana (London Underground).

Nei prossimi giorni vi darò altri piccoli consigli per la vostra vacanza low cost a Londra. So stay tuned :)

Pubblicato in Cosa succede in città | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 4 commenti

London Guide: The Hotels

Ecco il vero problema di Londra, e’ piuttosto difficile trovare un buon albergo low cost, o meglio e’ possibile trovarlo, ma molto fuori dal centro di Londra e quindi lo sconsiglio perché poi per raggiungere la città, specialmente se il soggiorno e’ breve, si perde molto tempo prezioso. Se si è giovani e non particolarmente esigenti, quindi no bagno in camera e stanze condivise, per avere dei prezzi low cost si può optare per un ostello , ma è un opzione sconsigliata, almeno quelle visionate da me al momento, per la famiglia con bambini. Io ogni volta che sono andata, ho optato per dei tre stelle abbastanza centrali, zona paddington, ma i prezzi erano piuttosto normali….sicuramente non alti ma nemmeno low cost. Le tre cose che guardo quando vado in un albergo sono l’avere il bagno in camera, una pulizia di base, e la colazione compresa (fare la colazione al bar per 4 persone significa compromettere il portafogli ), devo dire che queste tre  , chiamiamole , “qualità” dovrebbero essere la norma in un albergo ma a Londra non e’ proprio così (ebbene si, ho trovato un difetto a questa città che adoro ). Generalmente i costi sono alti anche se si sceglie un 2 o 3 stelle, non è detto che si ha sempre il bagno in camera e la pulizia della stanza non è proprio scontata. Per questo motivo ultimamente decido sempre di andare in questo albergo a paddington, il prezzo e’ abbastanza ragionevole per i canoni di londra, la pulizia e’ dignitosa, la colazione e’ compresa (anche se abbastanza basilare) e c’è il bagno in camera, a cinque minuti a piedi c’è la metropolitana, molte linee bus che portano in centro e parecchi ristoranti e fast food, così se a volte di sera non si ha voglia di andare da qualche parte a mangiare si può optare per un ristorante o fast food nei paraggi dell hotel, particolare rilevante specialmente quando si hanno dei bambini piccoli.

Pubblicato in Cosa succede in città | Contrassegnato , , | 5 commenti